“Jalla jalla” ROTTA SU GUBAL

jalla jalla

Avete mai sognato di essere a bordo di un veliero antico mentre solca mari tropicali? Avete mai sognato di scegliere su quale atollo ancorare, per poi distendervi al sole su di un amaca ondeggiante? Avete mai sognato di tuffarvi in acque incontaminate, tra milioni di pesci colorati? Avete mai sognato di navigare tra isole disabitate e di godere di albe e tramonti mozzafiato? Bene! Tutto questo può non essere un sogno.

E’ importante leggere quanto segue per realizzare un’avventura che non dimenticherete mai. Buon viaggio! Jalla! Jalla! ovvero, in lingua egiziana, andiamo! andiamo! Sono le parole che quotidianamente i componenti dell’equipaggio pronunciano per risvegliare la ciurma ( che bonariamente sareste voi), e riunirla per salpare verso un’altra isola o atollo che sia. Ma voglio descrivervi sommariamente quale potrebbe essere la vostra giornata tipo, a bordo di questo stupendo veliero.

Partiamo dalla notte, che può essere passata sicuramente all’aperto. L’aria è calda e si può godere di un cielo stellato come non si è mai visto prima. Per chi decide invece di passare la notte in cabina, può godere di tutti confort di cui necessità, aria condizionata compresa.

All’alba , una volta svegli, si può decidere se fare una bella immersione, oppure dedicarsi alla pesca alla traina lungo i reef corallini a caccia di tonni e carangidi, sempre estremamente numerosi in queste acque.

Il pranzo è servito dallo chef di bordo che ogni giorno cerca di deliziare sfiziosamente l’equipaggio; primi di ogni genere, pesce di tutte le specie e dolci a volontà. Nel primo pomeriggio è normale che si alzi un po’ di vento. Ma non è un problema, basta alzare le vele e trovare un riparo in una baia tra le isole. Questa può essere un opportunità per gli appassionati per scendere a terra e dedicarsi alla fotografia.

Verso sera, in un atmosfera, che si dipinge di colori indescrivibili ci si può tuffare tra le acque calde e cristalline in attesa della cena. In questi momenti, sempre per chi è appassionato, ci si può dedicare alla pesca al calamaro che sopraggiunge in abbondanza, attratto dalle luce dell’imbarcazione. E così via, per i giorni a venire ….

Questo tipo di crociera, può essere organizzata su “misura”. Il numero massimo di persone ospitabili a bordo è di 15/18 più l’equipaggio. L’ imbarcazione a vela è un caicco perfettamente ristrutturato, “Il Sinem One”. Ovviamente la propulsione è garantita da due potenti motori, per far fronte a traversate con mare molto mosso. Quello che io consiglio è l’itinerario del Sud, che vede la partenza da Sharm El Sheikh per poi doppiare il promontorio di Ras Mohammed e raggiungere lo stretto di Gubal con le sue disabitate isole, ma altri itinerari sono possibili e tutti adattabili a seconda delle esigenze. Il Tour operator è Acquadivig Tour…..

Raccontato da teta38